Sindrome da Iperstimolazione ovarica (OHSS)

La Sindrome da Iperstimolazione ovarica è una risposta anormalmente elevata dell’ovaio, scatenata in seguito al somministro dell’hCG (gonadotropina corionica umana) al culmine di un ciclo di stimolazione ovarica controllata.

Sindrome da Iperstimolazione Ovarica

Si produce un aumento delle dimensioni delle ovaie ed il travaso acuto di fluidi al di fuori del flusso sanguigno, a causa dell’aumento della permeabilità dei vasi sanguigni. Viene compromessa la funzionalità del sistema epatico, ematologico, renale e respiratorio, il che fa sì che si tratti di una sindrome potenzialmente mortale, in casi di OHSS severa.

La frequenza con cui si manifesta va dallo 0,6 al 14% nelle donne sottoposte a stimolazione ovarica. L’incidenza di OHSS severa è dello 0,2-1,8% e quella dell’OHSS moderata è del 3,1-6%. E’ più frequente nei cicli in cui la donna rimane incinta.

A seconda del tempo che impiega a manifestarsi, può essere classificato come OHSS precoce (3-7 giorni dal somministro dell’hCG) e OHSS tardiva (12-17 giorni dall’hCG). Quest’ultima è solita apparire quando ha avuto luogo una gravidanza.

Cause

Le cause più comuni sono il somministro di gonadotropine o, in modo naturale, l’aumento del livello di LH endogeno.

Cuase della Sindrome da Iperstimolazione Ovarica

Si tratta di una sindrome di durata molto limitata, che scompare con la mestruazione. Tuttavia, dev’essere controllata da un medico mediante ecografia transvaginale, per verificare che non degeneri in complicazioni più gravi.

Fattori di rischio

Il rischio dipende da ogni caso particolare, tra le altre cose perché influiscono fattori come l’età o la massa muscolare di ogni persona, se si hanno avuto figli in passato, se si tratta di un caso di gravidanza multipla, ecc. Puoi avere più informazioni in questa sezione, per valutare in che situazione ti trovi e quali sono i fattori di rischio che possono riguardarti.

Come in tutte le patologie o problemi di salute, è meglio prevenire che curare. Per questo, ti diamo alcuni suggerimenti affinché medici e pazienti, nella misura del possibile, possano evitare la Sindrome da Iperstimolazione Ovarica (OHSS).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

inviTRA