Prevenzione della Sindrome da Iperstimolazione Ovarica

La paziente che viene sottoposta ad un trattamento di fertilità viene visitata periodicamente ed esaustivamente dal suo medico, mediante analisi del sangue ed ecografie pelviche.

Di solito, a partire dal secondo o terzo giorno di somministro di ormoni, si effettuano visite ginecologiche quasi quotidiane e, in base alla risposta dell’ovaio, si adatta il dosaggio, affinché non abbia luogo un’iperstimolazione ovarica fuori controllo.

Se il livello di estrogeni della donna in trattamento si alza troppo, o in modo molto rapido, mentre le vengono fatte le iniezioni, il rischio di soffrire della sindrome da iperstimolazione ovarica aumenta. In questo caso, è possibile che sia necessario assumere un dosaggio più ridotto dei farmaci, o sospendere temporaneamente il trattamento.

Prevenzione OHSS

Misure preventive

Non esiste nessuna azione completamente effettiva per prevenire la sindrome da iperstimolazione ovarica, anche se le precauzioni che si prendono possono venir riassunte nei seguenti punti:

  • Il profilo della paziente: prestare speciale attenzione alle donne con meno di 30-35 anni, alle donne con un’anamnesi precedente di OHSS e alle donne con ovaio policistico.
  • Se c’è un alto rischio di OHSS, la stimolazione va sospesa, o è necessario posticipare l’iniezione di hCG.
  • Somministro di hCG: le dosi di hCG da somministrare possono venir ridotte, o del tutto evitate, per produrre l’ovulazione. In quest’ultimo caso, si potrebbe impiegare LH ricombinante, o analoghi di GnRh, se non sono stati utilizzati nella stimolazione dell’ovulazione.
  • La puntura ed aspirazione follicolare: riducono la gravità dell’OHSS.
  • Nel supporto della fase luteale,l’hCG va evitato. Può venir impiegato il progesterone naturale micronizzato.
  • La prescrizione di albumina.

Se, anche dopo le dovute precauzioni, il rischio di contrarre la sindrome non diminuisce, è necessario ricorrere alla cancellazione del ciclo d’inseminazione artificiale, fecondazione in vitro o ICSI.

Sindrome da Iperstimolazione Ovarica

Un’altra opzione è realizzare il trasferimento embrionario dopo un certo tempo, quando l’OHSS è scomparsa. Per questo processo, è necessario ricorrere alla criopreservazione degli embrioni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

inviTRA