Numero di ovuli ottenuti

Un trattamento riproduttivo dura al massimo due settimane completo dall’inizio nel primo giorno di ciclo fino al momento del trasferimento embrionario nel caso di un’IVF o di un’ICSI. Di queste due settimane, il trattamento di stimolazione ovarica ha una durata approssimata di circa 8 giorni

Tuttavia, a volte, il ginecologo potrà prescrivere un ciclo previo di anticoncezionali, per controllare il momento in cui s’inizia il ciclo di stimolazione, prolungando lievemente il processo.

Il numero di ovuli ottenuti dopo il processo di stimolazione varierà in funzione dei seguenti fattori:

  • Le caratteristiche di ogni donna.
  • Risposta al trattamento.
  • Patologie della donna.

In questo senso, è possibile ottenere uno o due ovociti in donne che ‘rispondono poco al trattamento’, fino a più di 20 ovociti in donne giovani e senza problemi di sterilità, che ‘iper-rispondono’. Tuttavia, abitualmente si ottengono tra 6 e 9 ovociti per ciclo, tipico nelle donne che ‘rispondono nella norma’.

Valutazione del numero di ovociti

Quando viene programmata la puntura, facciamo un calcolo del numero approssimativo di ovociti che potrebbero venir estratti a seconda di due aspetti:

La dimensione dei follicoli

Quando un follicolo misura tra i 14 e i 18 mm 24 a 48 ore prima della puntura, si considera che il follicolo si sia sviluppato abbastanza perché esista un ovocito maturo dentro di lui. In questo modo, potremo misurare i follicoli tramite ecografia trasvaginale e stimare il numero di ovociti maturi che preleveremo.

La concentrazione di estradiol nel sangue

D’altra parte, è stato stabilito che ogni follicolo corrisponde aprossimadamente a 200pg/ml di estradiol. Tenendo conto di questo dato, potremo determinare il numero di follicoli maturi a seconda della concentrazione di estradiol. Una concentrazione di estradiol di 3000 pg/ml permette di pensare che il ginecologa potrà estrare più o meno 15 follicoli nella puntura.

Ovulazione e numero di ovociti ottenuti

Rispetto al numero di embrioni, l’ideale è ottenere almeno 4 embrioni di buona qualità, per realizzare un trasferimento di 2 embrioni e, nel caso in cui non avvenga la gravidanza, avere l’opzione di realizzare un altro trasferimento di 1 o 2 embrioni congelati. Tuttavia, anche se viene trasferito un solo embrione nell’utero, esiste la possibilità di una gravidanza, per cui non bisogna allarmarsi nel caso in cui il numero di ovuli ottenuti, o il numero di embrioni fecondati, fosse basso, l’importante è che sia di buona qualità.

Follicoli senza ovulo

In un ciclo ovulatorio naturale si produce un picco di LH (ormone luteinizzante), che scatena l’ovulazione; tuttavia, questo stesso picco interrompe lo sviluppo dei follicoli meno maturi, causando loro una luteinizzazione (sviluppo del corpo luteale) prematura, o atresia.

Nell’immagine che segue, possiamo vedere il ciclo di una donna, come si sviluppa il follicolo, come matura l’ovocito al suo interno e, infine, come si produce la luteinizzazione dopo l’ovulazione.

Ormoni ciclici

Ogni follicolo sviluppa un ovocito nel suo interno, però è possibile che alcuni follicoli ottenuti dopo la puntura ovarica, risultino sprovvisti di ovocito, o che qualcuno degli ovociti ottenuti sia immaturo, e dunque inadatto ad essere fecondato.

Per questo motivo, il numero di ovociti recuperati dopo la puntura ovarica può essere inferiore al numero di follicoli visti nelle ecografie dei giorni precedenti o stimato in funzione dell’estradiol.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

inviTRA