Inseminazione artificiale fatta in casa

Un’inseminazione artificiale (IA) fatta in casa è un’autoinseminazione, che viene effettuata a livello vaginale. Lo sperma è rilasciato in fondo alla vagina, come in un rapporto sessuale normale. Il processo può essere realizzato a casa, seguendo semplici consigli d’utilizzo, e con gli strumenti adeguati. La IA fatta in casa è molto comune tra le donne che decidono di essere madri single, tra le coppie lesbiche e per tutti quegli uomini con problemi ad eiaculare in vagina, a causa di una disfunzione erettile o di un’eiaculazione retrograda.

Avrai sicuramente sentito parlare di questo metodo: vogliamo qui descrivertelo passo per passo.

IA in casa

Come realizzare un’inseminazione artificiale fatta in casa?

La tecnica è piuttosto semplice ed economica, e il materiale richiesto è venduto in farmacia.

  • Siringa sterile da 2 a 5 ml senz’ago – quelle con una cannula o sonda sono più adatte, poichè più lunghe.
  • Guanti di lattice.
  • Contenitore per il campione di sperma.
  • Soluzione fisiologica che facilita l’aspirazione del seme.

Una volta acquistato tutto il necessario, seguiamo il procedimento:

  • Dopo aver infilato i guanti, si comincia depositando il seme del partner o del donatore nell’apposito recipiente.
  • Per facilitare l’aspirazione del seme, aggiungere qualche goccia di soluzione fisiologica, perché sia più fluido. La soluzione dev’essere alla stessa temperatura del corpo umano, a circa 36-37 ºC.
  • Aspirare il seme con la siringa.
  • La ricevente si sdraia come dal ginecologo, con le gambe aperte.
  • S’introduce la siringa in vagina, con attenzione, e vi si deposita il seme delicatamente. E’ necessario effettuare questo passaggio lentamente, per evitare di graffiarsi. Sarà più facile con l’aiuto di un’altra persona.
  • Una volta terminato, si aspirano un paio di millilitri di siero con la siringa, per poi ripetere l’operazione, in modo da utilizzare anche gli spermatozoi che possono essere rimasti attaccati alle pareti della siringa.
  • Dopo il procedimento, si deve rimanere sdraiate nella stessa posizione durante una mezz’ora, per poi riprendere con le solite attività.

Per avere più possibilità di successo, è meglio autoinseminarsi a metà del ciclo mestruale, cioè quando una donna ovula.

Materiale per inseminazione artificiale fatta in casa

Efficacia dell’inseminazione artificiale fatta in casa

L’inseminazione vaginale è inclusa dall’OMS all’interno delle tecniche di fecondazione in vitro, però, dal momento che non richiede personale specializzato, non è considerata una tecnica medica. Inoltre, essendo realizzata privatamente a casa, non esistono studi che valutino le percentuali di successo di questa tecnica di fecondazione assistita.

Quando esistono problemi di fertilità severi, questo procedimento non è raccomandato, poiché c’è stata una grande evoluzione nei trattamenti e, nelle cliniche, le donne si sottopongono ad un’iperstimolazione ovarica per aumentare le proprie probabilità di gravidanza. Inoltre, il seme è capacitato artificialmente, per favorirne il raggiungimento dell’ovulo.

L’effettività del procedimento sarà simile a quella di una rapporto sessuale senza protezioni – sicuramente un poco inferiore, poiché lo sperma sarà stato trasportato e travasato, e, se questi passaggi non sono effettuati correttamente, può deteriorarsi. Il seme che si trova all’esterno del corpo dell’uomo per più di tre ore non è considerato utilizzabile.

12 commenti

  1. Ciao io ho provato con la siringa da 2ml ma avevo difficoltà. Ora sto provando con quella da 1 e mi trovo bene, però non metto la soluzione fisiologica come ho letto qui, va bene lo stesso? Vi prego datemi una risposta all email che ho inserito. Grazie

    • Michela Simoncelli

      Il siero si utilizza per fluidificare lo sperma e facilitare così l’uscita dalla seringa, però non è qualcosa di estremamente necessario o imprescindibile, anche se offre miglioramenti. Per questo motivo è possibile che venga bene anche senza utilizzare la soluzione fisiologica.

  2. Io vorrei avere delle informazioni piu dettagliate, contattatemi.

    • Michela Simoncelli

      L’inseminazione artificiale è una tecnica di riproduzione assistita con la quale si introduce una quantità stabilita di liquido seminale del paziente o de donatore nella vagina della donna con l’obbiettivo che siano gli stessi speramtozoi a percorrere la strada verso l’ovulo, che è in attessa nelle tube di Falloppio, e riescano a fecondarlo per formare l’embrione. per aumentare le possibilità di gravidanza con questa tecnica, lo sperma è concentrato di spermatozoi con una buona mobilità, esiste inoltre la possibilità di stimolare lievemente la donna per controllare il ciclo della stessa e permettere la maturazione di due o tre ovuli.

      Con la stimolazione aumentiamo le possibilità di gravidanza multipla, per questo deve essere una stimolazione delicata e controllata minuziosamente. Un requisito imprescindibile per poter portare a compimiento questa tecnica è che le tube di Falloppio siano permeabili e che la qualità del liquido seminale sia buono, soprattutto in quanto a mobilità.

  3. Ciao michela ti va di sentirci in privato e spiegarmi passo dopo passo come funziona ???

  4. Ciao…qualcuna sa dirmi se c’è bisogno di stimolazione follicolare/ ovulazione avendo gli ormoni:
    in fase luteale: LH_5,8; Beta Estradiolo_121
    in fase follicolare: FSH_5,62; LH_5,81; BetaEstradiolo_76
    Età 41 con TSH_2,542 e AMH_1,9ng/mL
    Grazie!!!
    Tery

  5. Ciao Michela , vorrei chiederti una cosa… 5 anni fa ho sostenuto un intervento alle tube ed hanno deciso di convincermi a chiuderle!oggi vorrei sapere se è possibile avere una gravidanza , grazie

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

inviTRA