Il procedimento dell’inseminazione artificiale

L’inseminazione artificiale è una tecnica di riproduzione assistita relativamente semplice. I passi da seguire sono:

Stimolazione dell’ovulazione

La stimulazione dell’ovulazione è realizzata mediante piccole dosi di gonadotropine, controllando il momento del ciclo mestruale in cui si trova la paziente. E’ anche importante che si mantenga monitorato il numero di follicoli che si vuole ottenere, al fine di evitare gravidanze multiple. Se la donna non ha alcun problema di fertilità, il suo ciclo ovarico può comunque venir stimolato per vari motivi; in generale, il più comune ha come fine aumentare le possibilità di successo dell’inseminazione artificiale.

Raccolta e preparazione del seme

Per questo secondo passo, è molto importante che l’uomo osservi un’astinenza sessuale di almeno 4 giorni prima della raccolta del seme, che avviene mediante masturbazione. E’ necessario controllare anche il tempo trascorso tra l’eiaculazione e la raccolta, così come i giorni tra l’eiaculazione e l’inseminazione.

La fertilizzazione

Inseminazione

Ventiquattr’ore prima si inietta hCG alla paziente, per facilitarne l’ovulazione, e in seguito si procede alla deposizione dello sperma. Il vantaggio di questa tecnica è che non richiede alcuna anestesia, non essendo dolorosa per la paziente.

Dopo l’inseminazione: raccomandazioni durante le due settimane d’attesa

Questa è una delle tecniche più semplici e meno aggressive, poichè, nella stimolazione ovarica, non è necessaria una grande quantità di ormoni, nè l’anestesia. Per questo motivo, la paziente può tranquillamente riprendere la propria vita subito dopo il trattamento.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

inviTRA