Embryoscope

L’embryoscope è un incubatore di ultima generazione, che consente di visualizzare lo sviluppo embrionale ininterrottamente.

In un trattamento di riproduzione assistita, come la fecondazione in vitro (IVF) o l’ICSI, la fecondazione dell’ovulo da parte dello spermatozoo si effettua in laboratorio, per cui è necessario il coltivo degli embrioni, che si collocano su una piastra con uno strumento adeguato, all’interno di un incubatore. Gli incubatori si occupano di simulare le condizioni interne dell’utero, la pressione dell’ossigeno e del diossido di carbonio, e la temperatura (37°C), finché avviene il trasferimento degli embrioni.

Il miglior embrione, il miglior momento per l'embryoscope

Vantaggi

Ciò che realmente fa sì che l’embryoscope sia rivoluzionario all’interno della riproduzione assistita è l’aggiunta di una macchina fotografica che registra automaticamente immagini ogni 15 minuti, in modo che non sia necessario che l’embriologo estragga l’embrione per valutarne la qualità e vedere se l’evoluzione del suo sviluppo è corretta.

Con l’uso dell’embryoscope si può osservare meglio la qualità degli embrioni, dato che durante lo sviluppo è possibile che si producano alcune alterazioni, che dopo si correggono; con il sistema tradizionale, se l’embriologo non estraeva l’embrione dall’incubatore in un dato momento per osservarlo al microscopio, l’alterazione passava inosservata. Poiché l’embryoscope permette che le immagini vengano registrate in un computer, in ogni momento è possibile osservare lo sviluppo embrionale.

Incubatore di embrioni di ultima generazione

Migliora le percentuali: dovuto alle caratteristiche dell’embryoscope, è possibile selezionare embrioni di miglior qualità per realizzare il trasferimento – per altro, le condizioni di coltivo sono più stabili. Si è potuto inoltre capire che le percentuali di divisione delle cellule embrionali sono un indicatore della qualità delle stesse. Tutti questi vantaggi si traducono in una percentuale più alta di impianto embrionale, che influisce a sua volta sulla percentuale di gravidanza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

inviTRA