Dolore durante il ciclo

I dolori acuti durante la mestruazione, o dismenorrea, sono un problema che affetta molte donne. Questi fastidi si presentano come crampi o coliche nella zona pelvica, che possono arrivare fino alle gambe e alla schiena.

Nei casi più gravi, i cicli mestruali possono essere accompagnati da affaticamento, mal di testa, nausea, dolore addominale, dolori vari al ventre, feci irregolari e malessere generalizzato.

Esistono due tipi principali di dolori durante il periodo mestruale:

  • Dismenorrea primaria: è un effetto collaterale normale del ciclo, che si manifesta durante la mestruazione, cioè i giorni del sanguinamento. Si tratta di un dolore forte però in generale non è associato ad un problema all’utero o agli organi pelvici.
  • Dismenorrea secondaria: è provocata da una patologia sottesa, normalmente in relazione con qualche problema all’apparato riproduttore (endometriosi, fibromioma uterino e malattia infiammatoria del bacino, ecc). Provoca di solito dolore e fastidi molto più forti della dismenorrea primaria.

Ovaie e mestruazione

I dolori associati al ciclo appaiono principalmente nella zone addominale, dove si trovano l’utero e le ovaie. Tuttavia, si possono estendere ad altre zone del corpo: colon, retto o ano, all’urinare, grandi labbra, vita, anche o coccige, gola, ginocchia ed articolazioni, ossa, zona lombare e schiena, reni, bocca dello stomaco, seno.

Cause di dolore durante il ciclo

Cosa provoca dolore nella mestruazione? La maggior parte dei dolori mestruali sono un effetto collaterale del processo naturale della mestruazione.

I dolori sono causati da una contrazione della parete muscolare dell’utero, favorita dalla prostaglandina. Quest’ormone provoca l’infiammazione e le contrazioni dell’utero, che causano dolore e permettono l’evacuazione della pareta dell’endometrio, un processo meglio noto come sanguinamento o mestruazione.

Cefalea e mestruazioni

I mal di testa sono abbastanza comuni durante il ciclo o durante i giorni che lo precedano. Possono esse dovuti alla brusca variazione degli ormoni sessuali nel sangue.

Ci sono esperti che li associano anche ad un aumento della pressione sanguigna che avviene per compensare la perdita di sangue dell’organismo. Le prostaglandine possono anche causare cefalee mestruali.

A volte, anche i dispositivi contraccettivi intra-uterini (DIU) possono provocare dolori mestruali.

Alleviare il dolore mestruale

I dolori mestruali poco gravi possono essere alleviati o ridotti senza necessità di ricorrere all’uso di farmaci mediante i seguenti mezzi:

  • Applicare calore nella zona bassa dell’addome, che sia con una copertina termica o con una borsa di acqua calda o facendo piccoli massaggi della zona.
  • Bere liquidi caldi.
  • Non mangiare pasti pesanti che possano rendere la digestione difficile e lenta.
  • Mantenere le gambe elevate quando si sta in posizione sdraiata per facilitare il flusso sanguino.
  • Realizare esercizio moderato, come camminare con regolarità.
  • Tecniche di rilassamento come lo yoga o la meditazione.

Questi sono alcuni dei consigli dati dai medici nei casi leggeri. In caso di dolore profondo e di grande fastidio, che non si possono alleviare con queste tecniche fai-da-te, è raccomandato andare dal medico per farsi prescrivere una medicazione come la seguente, che elimini i fastidi di forma più definitiva:

  • Antibiotici.
  • Antidepressivi.
  • Pillola anticoncezionale.
  • Antinfiammatori con ricetta.
  • Analgesici con ricetta.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

inviTRA