Coltivo di embrioni

Nella fecondazione in vitro tradizionale e nell’ICSi il coltivo di embrioni è fondamentale.

L’ovulo fecondato si trasforma in un embrione; si osserva l’evoluzione di tutti gli embrioni, per determinare la qualità embrionaria e decidere quali sono i migliori, con cui effettuare il trasferimento.

Due giorni dopo la puntura ovarica e l’inseminazione degli ovociti, gli embrioni avranno fuso l’informazione genetica della madre e del padre (pronuclei) e si saranno divisi in 2-4 cellule, o blastomere.

Coltivo di embrioni

In questo stadio, l’embrione è chiamato zigote e, quando si divide in 4 cellule, comincia a manifestare i propri geni.

Coltivo di embrioni

Tre giorni dopo la fertilizzazione degli ovociti, gli embrioni si sono divisi in 6-8 cellule, e sono pronti per il consumo di glucosio, all’interno della cavità uterina.

Coltivo di embrioni

Coltivo di embrioni

Quattro giorni dopo, l’embrione si trova nello stadio di morula, e si è diviso in 16-32 cellule.

Coltivo di embrioni

Cinque giorni dopo, l’embrione si è diviso in 100 cellule, e il suo stadio è chiamato di blastocisto.

Coltivo di embrioni

Sei giorni dopo avviene l’hatching, o ecclosione, cioè la massa cellulare interna dell’embrione emerge, per aderire all’endometrio della cavità uterina della donna.

Sette giorni dopo avviene l’impianto nell’utero materno, per via dell’interazione della massa cellulare interna con l’endometrio.

Il coltivo di embrioni viene effettuato fino al secondo o terzo giorno dopo la puntura ovarica, o anche il quinto giorno. Ciò viene deciso in funzione della problematica specifica della coppia (per esempio, la necessità di realizzare una DGP), del numero di ovociti fertilizzati, dell’evoluzione degli embrioni nei cicli di fecondazione in vitro precedenti, ecc.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

inviTRA